martedì 19 febbraio 2019

Data-driven organization, tra miti e realtà!


f-t-logo 1Nel consueto appuntamento del First Thursday organizzato dall’AUSED, il prossimo 7 marzo si approfondisce il tema dell’organizzazione “data-driven”
Giovedì 7 marzo, a partire dalle 17:30, l’associazione AUSED organizza a Milano presso il Centro Copernico di via Copernico 38 (sala 410 – 4° Piano), l’evento  Data-driven organization, tra miti e realtà!”.
 Dal 2012 il tema dell’”analisi dei dati aziendali” vive una fase di revamping e di forte attenzione, trainata da espressioni molto suggestive, e spesso mal comprese, come “Big e Small data, Big data analytics, Data scientist” e così via. Su questa scia le aziende sono passate troppo velocemente dal chiedersi “perché” diventare una “Data-driven organization” al “come” diventarlo!
Il “perché” ripropone questioni antiche, come il valore e la qualità del dato, le decisioni aziendali “fact-based”, la capacità di integrare e analizzare i dati, e questioni nuove, come la data monetization, le nuove fonti di dati del Social Web o dell’IoT o della multicanalità, le analitiche prescrittive e automatizzate fino ai nuovi algoritmi di IA.
Il “come” si diventa una Data-driven organization è il tema del momento, perché si stanno incominciando a tirare le somme di tutte le sperimentazioni e i sistemi live di Analytics costruiti in questi ultimi 6 anni. Si è capito che non bastano le tecnologie più moderne di repository e analisi e i dati catturati dalle fonti più “strane”, c’è ancora e sempre una questione di persone (cultura e competenze) e di processi/attività (ruoli, responsabilità, conduzione agile dei progetti di Analytics, ecc.).
Oltre ad un inquadramento veloce di questi aspetti, stimoleremo la discussione con i risultati di una quick survey sulle attività di data governance e di BI/Analytics governance e sulla presenza del CDO (Chief Data Officer) e del BI/Analytics manager in Italia svolta nel 2018.
Relatore: Paolo Pasini | Associate Professor of Practice di Information Systems – SDA Bocconi
Moderatore: Alessandro Caleffi | Consiglio Direttivo Aused
Per aderire all’evento: Segreteria Aused tel. 345 255 9509 o iscrizioni tramite il link http://tiny.cc/quac3y

Informazioni logistiche:
Per raggiungere il Centro Copernico, in zona Stazione Centrale, è consigliabile la Metropolitana: linea 2 (verde) fermata Stazione Centrale, linea 3 (gialla) fermata Sondrio. Dalle fermate il Centro Copernico dista rispettivamente 900 e 500 mt.
Nel seminterrato del Centro Copernico è disponibile un parcheggio privato a 3€/h.
Raggiunta la reception telefonare, o far telefonare dal personale addetto, a Francesca Gatti – 345 255 9509.

lunedì 11 febbraio 2019

Npo Sistemi dedica un’intera giornata di formazione per introdurre il mondo ITIL®

Nell’ambito delle attività organizzate dall’Npo Training Centre il prossimo 11 aprile èRacano - IMG-20180517-WA0003 prevista un’intera giornata di formazione dedicata ad introdurre il mondo ITIL® per migliorare la gestione dei Servizi IT e creare servizi di effettivo supporto per il business.
“Lo scopo principale del corso ITIL® Essentials– ha illustrato Rosmarì Racano, Training Manager di Npo Sistemi – è proporre una comprensione a 360° dei benefici e del valore aggiunto per l’IT Service Management proposto dal framework ITIL®
Nel corso della giornata è prevista una overview approfondita dell’approccio ITIL® al Ciclo di vita del servizio e dei principali processi coinvolti. Destinatari di questa giornata di approfondimento sono gli IT Manager, i responsabili degli IT Services, gli operatori del reparto IT, e chiunque desideri una panoramica completa e strutturata del framework ITIL® “.
I contenuti del corso, con classi generalmente costituite da un massimo di dodici partecipanti ognuna, prevedono formazione dedicata su questi argomenti: ITIL® V3 – struttura corsi e Certificazioni; Service Management; ITIL®V3 Service Lifecycle; Service Strategy e processi; Service Design e processi; Service Transition e processi; Service Operation – processi e funzioni; Continual Service Improvement e Processo di Miglioramento in Sette fasi (Seven-Step Improvement).
“Il primo corso – ha concluso Rosmarì Racano – si terrà in lingua italiana presso l’Npo Training Centre di viale Martesana, 12 a Vimodrone (Milano). La quota di iscrizione è di 199 euro, IVA esclusa, e comprende docenza, materiale didattico, coffee break e pranzo. Sono già a calendario sessioni formative anche a Padova, Imola, Firenze e Roma, oltre che a Milano”.
Si rammenta che Npo Sistemi è centro accreditato Axelos per erogare corsi ITIL® e che tutto il materiale didattico sarà disponibile in lingua italiana.
Per maggiori informazioni: info_marketing@nposistemi.it http://tiny.cc/chsz2y
__________________________________________________________________________
Npo Sistemi (www.nposistemi.it)Idee, Tecnologie e Competenze IT al servizio delle imprese. Npo Sistemi – azienda appartenente al Gruppo Ricoh – aiuta le imprese a realizzare e gestire tecnologie e processi a supporto del percorso di trasformazione digitale, grazie a tre principali aree: Digital Transformation, IT Managed Services e Technology.
Da più trent’anni Npo Sistemi garantisce il pieno supporto dei processi di business con costi di gestione ottimizzati per permettere alle aziende di anticipare i cambiamenti del mercato.
______________________________________________________________________________
Per informazioni alla StampaUfficio stampa Npo SISTEMI S.R.L.
MARCOMM SRL – rif. dr. Luigi Pachì
Cell. 392 9972326
e-mail: luigi.pachi@marcomm.it

giovedì 7 febbraio 2019

Assegnato il bando Consoft Social Incubator

La start up FearLess vince il primo programma di Corporate Social Incubation nato dalla collaborazione tra Consoft Sistemi e SIT – Social Innnovation Teams
start-up-ConsoftNel quadro delle attività di Corporate Social Responsibility e di Open Innovation di Consoft Sistemi è stato avviato un programma di incubazione Corporate rivolto a startup attive sui temi dell’Information Technology. Il primo passo di questo programma è stata la pubblicazione di un bando rivolto a start up ad impatto sociale. Si tratta di un’iniziativa innovativa che mette in luce anche l’importante collaborazione in essere di Consoft Sistemi con il SIT (Social Innovation Teams).
Consoft Sistemi (www.consoft.it) è un’azienda italiana presente sul mercato ICT dal 1986 con sedi a Torino, Milano, Genova, Roma e Tunisi. “Ogni giorno qualcosa di nuovo” è il claim di questa azienda che è cresciuta negli anni senza perdere il gusto per l’innovazione che esprime quotidianamente nelle attività che svolge per la propria clientela.
Social Innovation Teams (www.socialinnovationteams.org) è una community di imprenditori, professionisti, ricercatori e studenti che supporta la nascita e lo sviluppo di progetti di innovazione e imprenditorialità sociale.
“Il bando Consoft Social Incubator — ha spiegato Cristina Bonino, CEO di Consoft Sistemi — si è distinto per l’offerta di un’esperienza immersiva in una realtà corporate, grazie alla localizzazione per un anno all’interno della nostra sede milanese “.
La start up che si è aggiudicata il bando è stata Fearless. Fearless è una start up innovativa ad impatto sociale impegnata nell’ambito del mobile health connesso al trattamento del disagio mentale — ha illustrato Cristina Bonino. — Il progetto consiste nello sviluppo di un’app collegata a una piattaforma che eroga servizi di assistenza e supporto on line in campo psicologico, psichiatrico e psicosociale. Lo scopo è quello di costruire un’infrastruttura tecnologica aperta a utenti, operatori e organizzazioni del settore, in grado di ottimizzare l’accesso alle cure e facilitare la comunicazione coi servizi disponibili sul territorio”.
Dal bando potranno anche nascere future collaborazioni tra Consoft Sistemi e Auticon, azienda risultata già affermata sul mercato internazionale, il cui scopo è impegnare risorse con autismo nell’IT per valorizzare la neurodiversità.
A questa prima iniziativa ne seguiranno altre per far conoscere Consoft Social Incubator alle start up, ai giovani con spirito imprenditoriale, a professionisti che hanno idee nuove che vogliono concretizzare.
“Si tratta di una proposta innovativa — ha concluso Cristina Bonino. — È un’occasione per una startup e per giovani imprenditori di essere ospitati, a costi ridotti, all’interno di una realtà aziendale, vivendo quindi tutte le problematiche, le esigenze, i cambiamenti, le opportunità che un’azienda deve affrontare quotidianamente, apprendendo quindi con un metodo simile al ‘training on the job’ meccanismi, processi e strategie risolutivi. In sostanza è un’ottima opportunità per coloro che ospiteremo, ma anche per noi che riceveremo stimoli dall’esterno. E questo è sicuramente un valore aggiunto importante per un’azienda come la nostra che punta sull’innovazione.”

martedì 5 febbraio 2019

Evento AUSED: “Spending IT: come, dove, quanto spendono i CIO”

L’associazione che riunisce i CIO delle aziende italiane fin dal 1976 propone l’edizione 2019 dell’indagine costi
SalaLunigiana5Giovedì 28 febbraio, dalle ore 9:30, l’associazione AUSED organizza presso il Centro Copernico Milano Centrale, sala Lunigiana, di viale Lunigiana 7, angolo via Copernico, l’evento “Spending IT: come, dove, quanto spendono i CIO”.
Aprirà la manifestazione l’intervento di Ivan Ortenzi, – nomade dell’Innovazione, neotenico ed emigrato da Torino a Milano, ora Chief Evangelist di Bip, appassionato di Corporate Innovation e Corporate Creativity – che proporrà un keynote sui temi dell’Innovazione, della digital disruption e delle Exponential Organization.
A seguire 5 speaker, rappresentanti dei CIO Italiani, del mondo accademico e di Associazioni di settore si alternano in una “giostra” sulle 5 parole “tormentone” del 2018. A rotazione ciascuno e facendo riferimento alla propria keyword proporrà un ted di 5 minuti, utilizzando immagini / frasi / disegni… ma non slide. Al termine del suo speech gli altri ospiti sul palco hanno 2 minuti di replica e commento.
E per finire i risultati dell’usuale “Indagine costi di Aused”, saranno presentati da Marco Pozzoni, Practice Leader ICT Governance & Organization di P4I, con dibattito aperto ai presenti.
Di seguito l’agenda con gli orari degli interventi:
AGENDA
  • 09:00 Registrazione dei partecipanti e caffè di benvenuto
  • 09:30 Inizio lavori e benvenuto, Andrea Provini – Global CIO Bracco Imaging Spa e Presidente AUSED
  • 09:40 Intervento del keynote speaker Ivan Ortenzi sui temi cardine del suo ultimo libro “#Innovation manager. Disegnare e gestire l’innovazione in azienda”
  • 10:20 Le 5 keyword del 2018: “giostra” di CIO, esponenti del mondo accademico e di Confindustria si alternano con ted sulle 5 parole “tormentone” del 2018.
  • 11:40 Pausa caffè
  • 12:00 “ICT Spending: organizzazione IT e politiche di sourcing dalla prospettiva dei costi”, Marco Pozzoni – Practice Leader ICT Governance & Organization P4I
  • 12:50 Q&A
  • 13.:5 Chiusura lavori e Light Lunch
La mattina terminerà con un light lunch e a seguire è prevista l’Assemblea Ordinaria riservata ai Soci AUSED.
Per aderire all’evento della mattina: Segreteria Aused tel. 345 255 9509 o iscrizioni tramite il link http://tiny.cc/jxwx2y
Informazioni logistiche:
Per raggiungere il Centro Copernico, in zona Stazione Centrale, è consigliabile la Metropolitana: linea 2 (verde) fermata Stazione Centrale, linea 3 (gialla) fermata Sondrio. Dalle fermate il Centro Copernico dista rispettivamente 900 e 500 mt.
Attenzione: Ingresso da Viale Lunigiana 7, angolo via Copernico.
Nel seminterrato del Centro Copernico è disponibile un parcheggio privato a 3€/h.

martedì 22 gennaio 2019

Consoft Sistemi punta sulla leadership nella Digital Transformation


crisitna-bonino-2018_web

Un’offerta competitiva e recenti attività associative e di partecipazioni a specifici Competence Center pongono Consoft Sistemi tra le società di spicco nel panorama tecnologico della Digital Transformation e del piano Industria 4.0
Sono stati confermati da Consoft Sistemi anche per il 2019 gli investimenti relativi alle nove Practice che rappresentano l’offerta di questa consolidata azienda, sul mercato dell’ICT da ben trentatré anni. Si tratta di nove aree tematiche atte a occuparsi di soluzioni “end to end” attraverso attività di consulenza tecnologica e metodologica, formazione, realizzazione di soluzioni integrate ed erogazione di servizi in insourcing/outsourcing. Un’offering che punta fortemente sul raggiungimento della leadership nell’ambito della digital transformation.
“Le nostre Practice – ha sottolineato Claudio Saluta, Sales Manager di Consoft Sistemi – partono dall’offrire un approccio metodologico di gestione Agile del ciclo di vita del software fino alla valorizzazione del dato con soluzioni di Analytics e Big Data, lavorando anche sulle tematiche innovative di Machine Learning e Intelligenza Artificiale.”
Claudio Saluta ha proseguito: “Tra le nostre Best Practice facciamo anche affidamento sulle API per una integrazione completa e flessibile e ci occupiamo di Digital Content & Document Management, di System & Networking Management, Application Performance Management e Application Monitoring. Supportiamo inoltre i nostri clienti nella sicurezza infrastrutturale e in quella applicativa e, infine, abbiamo anche una Practice che si focalizza su tematiche IoT nelle aree Smart City, E-Health e Smart Factory”.
Oltre a una proposizione commerciale ben strutturata e definita, Consoft Sistemi si sta dimostrando sempre più attenta e presente nelle attività associative e di cooperazione.
Recentemente è stata tra i soci fondatori dell’associazione “Donna Professione STEM” che ha lo scopo di promuovere la partecipazione femminile agli studi STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics), promuovere le iniziative di attrazione e sviluppo delle professionalità femminili STEM e promuovere politiche di inclusione e partecipazione come strumento per aumentare la competitività industriale.
“Iniziative in tal senso – ha illustrato Cristina Bonino, CEO Consoft Sistemi – sono partite già nei mesi scorsi e alcune/i colleghe/i di Consoft Sistemi sono stati coinvolti sia per le testimonianze nelle scuole, sia per lo STEM Tour che si è svolto qualche mese addietro”.
Al contempo Consoft Sistemi è entrata a far parte del recentemente costituito CIM 4.0, guidato dal Politecnico e dall’Università di Torino, che è un Competence Center piemontese sull’advanced manufacturing nell’ambito del Piano Industria 4.0. “Il Centro di Competenza – ha spiegato Cristina Bonino – metterà a disposizione delle aziende ‘linee pilota’ innovative per diverse tecnologie manifatturiere e costituirà un punto di riferimento in tutti gli ambiti ad esse collegati, quali Big Data, Internet of Things, robotica, fotonica, cyber-security, nuovi materiali, efficientamento energetico dei processi, inclusa l’organizzazione del lavoro e della produzione”.
Oltre al CIM 4.0, Consoft Sistemi ha aderito in questi giorni anche al MADE, il nuovo Competence Center guidato dal Politecnico di Milano che si pone come obiettivo a medio termine di raggiungere in tre anni più di 10.000 persone attraverso attività di informazione e divulgazione sulle potenzialità delle tecnologie digitali, erogare più di 86.000 ore-uomo di formazione, sviluppare più di 390 progetti e 200 assessment digitali coinvolgendo circa 15.000 aziende italiane, di cui l’80% rappresentato da PMI.
“Con questa ulteriore adesione che segue quella del Competence Center di Torino – ha concluso Cristina Bonino – Consoft Sistemi si pone oggi tra le principali società di spicco nel panorama tecnologico della Digital Transformation e del Piano Industria 4.0″.